Leopardi in poche parole

leopardi
Giacomo Leopardi in un disegno di Tullio Pericoli

Cenni biografici

Giacomo Leopardi nacque a Recanati il 29 giugno 1798 (più o meno quando Manzoni si trasferiva a Parigi presso la madre) e morì a Napoli il 14 giugno 1837 (ancora prima che uscisse l’edizione definitiva dei Promessi Sposi).

La vita di Leopardi è tutta contrassegnata dalla sofferenza, dovuta sia alla malattia nervosa, i cui segni si annunciarono già nella sua prima giovinezza, sia alla sua profonda sensibilità, che gli fece sentire in modo drammatico le incomprensioni dell’ambiente familiare e i difficili rapporti con il luogo natio, per il quale nutrì sempre un sentimento oscillante tra l’odio e l’amore.

A Recanati Leopardi trascorse la fanciullezza e l’adolescenza, chiuso nell’immensa biblioteca del padre, dedicandosi per sette anni a quello che egli stesso definì uno “studio matto e disperatissimo”.

A vent’anni, dopo una grave malattia agli occhi che aggiunse dolore a dolore, tentò senza riuscirvi di fuggire dalla casa paterna. Solo nel 1822 ottenne dalla famiglia il permesso di recarsi a Roma, ospite degli zii materni. Il giovane Leopardi restò però deluso da questa esperienza: aveva sperato di trovare un clima culturale fervido e stimolante e invece incontrò un ambiente stagnante e repressivo, nel quale non riuscì a instaurare rapporti umani autentici.

Ritornò quindi a Recanati e nel 1825 partì per Milano, dove conobbe Alessandro Manzoni. Dopo altri soggiorni a Pisa (1828) e a Firenze (1830) strinse amicizia con il napoletano Antonio Ranieri che lo ospitò a Napoli, dove trascorse i suoi ultimi anni.

Quella di Leopardi è una poesia che riflette sulla infelicità umana. La sua riflessione, pur non organizzata in modo sistematico, segue un’evoluzione che è possibile ricostruire attraverso l’analisi dei testi. A questo scopo risultano particolarmente importanti le annotazioni contenute nei numerosi quaderni che costituiscono lo Zibaldone di pensieri. Si tratta di un diario dove Leopardi annotava in modo frammentario idee, episodi, stati d’animo e letture. Iniziò a comporlo all’età di 19 anni, nel 1817, proseguendolo fino al 1832.

Il pensiero

La poesia di Leopardi vuole indagare il senso dell’esistenza umana attraverso la ragione. Leopardi ha una concezione pessimistica della vita, che viene vista come un supplizio dominato dal dolore e dall’infelicità. Un percorso affidato in buona parte all’espressione poetica e centrato su alcuni temi (piacere, noia, dolore, natura, ragione) che fanno da filo conduttore a tutta la speculazione leopardiana.

Nel pensiero di Leopardi si distinguono solitamente tre momenti.

  • Il primo (dal 1818 al 1824) è detto del pessimismo storico, perché fondato sull’idea che l’uomo, in origine, godesse di una condizione più felice, grazie al rapporto diretto con la Natura e alle illusioni. In questo periodo Leopardi, seguendo il pensiero di Jean-Jaques Rousseau, concepiva la Natura (cioè la forza che dispone e regola la vita dell’universo) come una madre amorevole, che ci ha creati per la felicità, e attribuiva l’attuale tristezza del vivere allo sviluppo della civiltà e della ragione, limitatrice del sentimento e dell’immaginazione. Secondo questa teoria, l’uomo ha insito in sé il desiderio del piacere, ovvero della felicità (piacere e felicità per Leopardi sono sinonimi): il desiderio di un piacere infinito, sia nell’estensione che nella durata. La Natura, sapendo che l’uomo, in quanto creatura finita, non potrà mai raggiungere un piacere infinito, gli ha donato l’immaginazione, ma la ragione ha spento l’immaginazione, condannando l’uomo moderno all’infelicità. L’infelicità, quindi, è il frutto della civilizzazione, per cui la ragione è vista come il “sommo male”. In questo periodo Leopardi compose gran parte dello Zibaldone e i Piccoli idilli, 6 liriche celeberrime tra cui L’infinito.
  • Il secondo periodo (dal 1824 al 1830) è detto del pessimismo cosmico, perché è basato sull’idea che l’infelicità non sia caratteristica di una particolare condizione storica, ma che sia una condizione connaturata all’uomo e perciò ineliminabile: gli esseri viventi soffrono per il solo fatto di essere nati. In questa fase Leopardi passa dall’idea della natura come madre amorevole, a quella di una natura indifferente, che non si cura degli esseri viventi, ma solo della sua perpetuazione o addirittura matrigna, che si compiace della loro sofferenza. Il piacere è solo un’illusione, un inganno architettato dalla natura per attaccare gli esseri viventi alla vita e fare in modo che si riproducano in modo da assicurare il ciclo vitale. In questa visione, la ragione non è più concepita come “sommo male”, ma come “sommo bene”, perché permette all’uomo di scoprire l’inganno della Natura, restituendogli la propria dignità. In questo periodo Leopardi compone le Operette Morali (venti prose in cui l’autore presenta le sue idee sulla natura e sull’uomo) e i Grandi idilli, in cui la poesia si fa canto dell’animo di un singolo, ma dagli echi universali.
  • L’ultimo periodo viene chiamato del pessimismo eroico perché all’odio per la malvagità della natura si associa la volontà di resisterle eroicamente attraverso la solidarietà tra tutti gli uomini. La poesia più emblematica di questo periodo è La ginestra.

I Canti

Leopardi raccolse le sue poesie in una raccolta intitolata Canti. Il titolo Canti non ha precedenti nella tradizione lirica italiana. Con questo titolo Leopardi vuole suggerire la natura lirica della sua poesia, che è canto dell’anima. La maggior parte delle poesie della raccolta sono canzoni e idilli (l’idillio, eidullion in greco, era una forma poetica classica che consisteva in un piccolo quadretto paesaggistico di argomento pastorale).

La parola canzone rimanda alla sfera dell’udito e la parola idillio rimanda a quella della vista e proprio il vedere e l’udire sono, per Leopardi, le due facoltà principali del poeta.

Leopardi innova queste due forme poetiche rispetto alla tradizione. La canzone viene rinnovata dal punto di vista metrico (la canzone petrarchesca, diventa canzone libera leopardiana, con strofe di diversa lunghezza, libero alternarsi di endecasillabi e settenari e rime occasionali. NB. Tale svolta apre la strada al verso libero novecentesco nella tradizione metrica italiana.) Il genere dell’idillio, invece, viene rinnovato dal punto di vista contenutistico (passa da quadretto paesaggistico di argomento bucolico-pastorale a componimento che prende avvio dalla descrizione del paesaggio per sviluppare una riflessione filosofica e psicologica).

Continua…

Annunci

Intorno a Giorgio Caproni (Statale 45)

Giorgio_caproni

 

Statale 45

1                                                         È una strada tortuosa [1].
1a                                                                                                           Erta [2].

2                                                                       Tipica di queste nostre
3                                                           zone montane [3].

3a                                                                                   Dovunque,
4                                                            segnali d’allerta.

5                                                                     Fondo dissestato

5a                                                                                               Frane.

6                                                                        Caduta massi.

6a                                                                                            Il motore
7                                                            s’inceppa.

7a                                                                           La ruota
8                                                           slitta sull’erba che vena
9                                                           l’asfalto.

9a                                                                          La mente è tesa.

9b                                                                                                    Non basta

10                                                        la guida più accorta.

10a                                                                                            A ogni svolta
11                                                        la sorpresa sovrasta [4]
12                                                        l’attesa…

12a                                                                       Procedere
13                                                        con prudenza.

13a                                                                               Bandire
14                                                        ogni impazienza.

14a                                                                                     La ripa [5]
15                                                       si fa sempre più infida [6].
16                                                       Più subdola [7].

16a                                                                           Più di una volta
17                                                       la presunta meta
18                                                       si rivela un’insidia [8].

Giorgio Caproni, Tutte le poesie, Garzanti, Milano, 1999.

Ad un primo colpo d’occhio non può non stupire, in questa poesia, la particolare disposizione dei versi. Può venire in mente, a mo’ di suggerimento, l’articolata architettura degli endecasillabi nelle tragedie alfieriane o manzoniane, o, se vogliamo, nei recitativi dei libretti d’opera, in cui, talvolta, uno stesso verso prevede due o più battute di dialogo ed è perciò spezzato graficamente e disposto con degli a capo seguendo come dei gradini in discesa. Tale suggerimento può essere funzionale per tentare un possibile conteggio dei versi della poesia di Caproni. È una poesia in cui se ne contano diciotto e dove, accanto a versi unitari, si possono osservare appunto versi segmentati e, se così si può dire, allargati, distanziati nello spazio bianco.

I versi non frazionati sono sette, tutti di misura breve e compresa tra il senario e l’ottonario: il v. 2 (“Tipica di queste nostre”), il v. 4 (“segnali d’allerta”), il v. 8 (“slitta sull’erba che vena”), il v. 11 (“la sorpresa sovrasta”), il v. 15 (“si fa sempre più infida”) e i vv. 17-18 (“la presunta meta / si rivela un’insidia”). È tra i versi segmentati che possiamo riconoscere tre endecasillabi –  il metro senza paragone più importante della tradizione italiana, evidente misura di riferimento anche per la versificazione libera del Novecento – il primo al v. 1+1a (“È una strada tortuosa. / Erta.”), il secondo e più articolato al v. 9+9a+9b (“l’asfalto. // La mente è tesa // Non basta”) e l’ultimo al v. 10+10a (“la guida più accorta. // A ogni svolta”). Restano frammenti di versicoli brevi, il cui conteggio metrico è forse superfluo [9]: quel che qui conta rilevare è come la seconda parte del verso risulti più vicina, sia graficamente sia sintatticamente, al verso successivo, piuttosto che sentire la vicinanza con la prima parte del verso, cui pure appartiene: una sorta di enjambement potenziato, in cui è ancor più evidente la mancanza di corrispondenza tra enunciato e verso, tra unità di senso e unità metrica, che conferisce alla veste grafica della poesia un aspetto – oserei dire – “scosceso”.

Di fronte a questi versi rarefatti occorre, tuttavia, riconoscere una notevole impalcatura, dettata in prima battuta di versi in corsivo che simmetricamente appaiono nella prima e nella seconda parte del componimento. L’osservazione formale, necessariamente, si completa con il significato di ciò che si legge: in particolare, al centro della lirica, il frammento centrale del v. 9, (“La mente è tesa”), determina il punto di svolta della poesia che da una situazione esterna (ossia la descrizione delle zone montane, la presenza dei segnali stradali di pericolo, la difficoltà di procedere dell’automobile) passa ad una dimensione interiore, descrivendo uno stato d’animo inquieto, un turbamento esistenziale. Le simmetrie tra la prima e la seconda parte della poesia sono ravvisabili in quella che, da un punto di vista esteriore, è la difficoltà della guida (“La ruota / slitta sull’erba che vena / l’asfalto” ) e, da un punto di vista interiore, è la successiva ammissione di incapacità nel procedere con i propri mezzi (“Non basta / la guida più accorta”). I segnali stradali, ciò che di più esteriore ci possa essere, così concreti e materiali, così non-poetici, avvisano del pericolo incombente (“Fondo dissestato. // Frane. // Caduta massi”); nella seconda parte si declinano, si tramutano in una sorta di segnaletica della mente (Procedere / con prudenza. // Bandire / ogni impazienza”). La poesia è dotata poi di una sua circolarità se osserviamo che l’immagine conclusiva (“Più di una volta / la presunta meta /si rivela un’insidia”) è il completamento di quanto annunciato in apertura (“È una strada tortuosa. / Erta”).

L’ultima stagione caproniana, aperta nel 1975 da Il muro della terra e proseguita poi con Il franco cacciatore (1982), Il Conte di Kevenüller (1986) e la postuma Res Amissa (1991) offre uno stile peculiare ravvisabile nella rarefazione sintattica dei singoli testi, costruiti con frasi brevi, accostate senza raccordi subordinativi e spezzate da incisi, reticenze, spazi bianchi, sospensioni: caratteristiche di cui troviamo testimonianza in Statale 45, in cui l’equilibrio, tra tanto vuoto e silenzio, è offerto essenzialmente dalle rispondenze foniche e dai dispositivi metrici. È da notare, nei primi versi, la tessitura del gruppo allitterativo -tr- e -rt- (“strada tortuosa. // Erta.”), rimarcata appena più avanti dalla rima Erta:allerta. È, ancora, nel centro del componimento che possiamo osservare un accumulo di suoni ed echi significativi: la parola “asfalto” (v. 9) è sia in corrispondenza fonica con “Non basta” (che, a sua volta, rima con “sovrasta”), sia in consonanza con “svoLTa” (a sua volta in assonanza con “accOrtA”); “La mente è tesa”, preceduta dall’assonanza con “vEnA”, rima con “sorpresa” e “attesa” (rima ricca). È opportuno osservare anche i rimandi di suono presenti negli ultimi versi: la rima ricca svolta:volta e in particolare le assonanze dischiuse dal trittico rIpA:infIDA:insiIDiA.

Veniamo ora al tema della poesia, quello del viaggio. Viene ripreso qui un tema – che attraversa gran parte della produzione caproniana – palesemente allegorico, perché il viaggio è quello della vita, osservata dal poeta-viaggiatore sul limitare della sua fine. In questi versi, però, non c’è traccia di quell’ironia pacata, sebbene non priva di tormento, incontrata nel Congedo del viaggiatore cerimonioso (1965):

Ora che più forte sento
stridere il freno, vi lascio
davvero, amici. Addio.
Di questo, son certo: io
son giunto alla disperazione
calma, senza sgomento.

Scendo. Buon proseguimento.

Il viaggiatore cerimonioso scende dal treno senza sapere dove si trovi (“Il luogo del trasferimento / lo ignoro”), mentre il viaggiatore di Statale 45 percorre in auto i luoghi conosciuti dell’Alta Val Trebbia (“queste nostre / zone montane”) e si presume sappia bene dove arrivare. Una profonda inquietudine, tuttavia, pervade interamente la mente del poeta (“La mente è tesa”), un’inquietudine preannunciata dagli agenti esterni, allarmanti (“Dovunque, / segnali d’allerta”) e forieri di presagi crudeli (“[l’]erba che vena / l’asfalto”). Tali agenti appaiono quasi come estranei, come a chi non si fosse ancora abituato ai percorsi scoscesi e alle tipiche asperità del territorio montano dell’entroterra ligure. C’è qualcosa di non detto che sorprende l’abituale viaggiatore (“A ogni svolta / la sorpresa sovrasta / l’attesa”) tanto da dedurre che la meta finale non sia quella solita e familiare, ma qualcosa che confermi epifanicamente l’angosciosa premonizione (“la presunta meta / si rivela un’insidia”). La “disperazione calma e senza sgomento”, razionale e distaccata, ha ceduto il posto a un sentimento viscerale, che la mente non riesce a decifrare, ma che possiamo tradurre in termini di paura. Una paura dantesca, suggerita dalle immagini della salita erta, della voragine (“la ripa”) e dallo smarrimento del poeta (sappiamo che i riferimenti a Dante sono disseminati un po’ in tutta l’opera di Caproni, già negli evocativi titoli delle raccolte Il seme del piangere [10] e Il muro della terra [11], ma si prenda in particolare Controcanto nel Conte di Kevenüller). È significativo che il poeta provi un senso di smarrimento, spaesamento, proprio nei luoghi dove egli ha collocato il proprio paese d’elezione, dove ripone i suoi affetti (“Valtrebbia. Aria fina. / […] paese di foglie / fresche, dove ho preso moglie” si recita in Litania). Ritornando in quei luoghi, abbandonati da tempo (si riprenda Lasciando Loco o Parole (dopo l’esodo) dell’ultimo della Moglia dal Muro della terra), il poeta non trova rifugio ma, al contrario, un inedita ostilità. Forse, però, questa lettura è forzata dal cercare un motivo apparente per l’inclusione, sin dal titolo, di riferimenti concreti e toponimi, mentre occorre tener fermo che nell’ultimo Caproni gli spazi e gli ambienti (anche quelli affettivamente importanti della Val Trebbia) declinano la loro fisica concretezza su un piano astratto e metafisico.

Credo che si possa leggere questa poesia – una delle ultime di Caproni – inferendo, alle tematiche consuete, essenziali dati biografici, senza speculare più di tanto sulle possibili tracce ravvisabili nell’opera caproniana, né inoltrandoci sui complessi aspetti filosofici che ne derivano. La poesia è datata 1987-89, quindi ultimata un anno prima della scomparsa dell’autore. Il viaggio finale, inscenato tante volte (per interposta persona in Ad portam inferi, nel ricordato Congedo, nell’Ultimo borgo, inserito significativamente in una sezione del Franco cacciatore intitolata Conclusione quasi al limite della salita, e in innumerevoli altre prove), è qui vissuto da Caproni in prima persona (anche se, paradossalmente, non compare mai l’io lirico). È come se, giunto sul limitare della propria esistenza, il poeta attenda di scontrarsi viso a viso con la morte e, molto umanamente, ne provi paura. La concreta paura di quel mistero che attende noi tutti (i verbi impersonali possono bene assolvere ad un significato universale: ecco forse la ragione dell’assenza del vocabolo io e dei verbi in prima persona) è descritta come un’irruzione di emotività che, improvvisamente, nelle nostre zone montane, ci coglie di sorpresa oltre ogni aspettativa.

Giorgio Caproni è nato a Livorno nel 1912, ha vissuto gli anni della sua formazione umana e poetica a Genova; dal dopoguerra scelse, per necessità, di vivere a Roma, dove è morto il 22 gennaio 1990. Roma è stata sempre considerata dal poeta la città dell’esilio e della profonda solitudine esistenziale, (“Qua / […] io sono lontano e solo / (straniero) come / l’angelo in chiesa dove / non c’è Dio. Come / allo zoo, il gibbone.”). Oggi dorme sepolto nel piccolo cimitero di Loco di Rovegno, sulla sommità della sua Genova.

 

Bibliografia:

  • Pietro Beltrami, Gli strumenti della poesia, il Mulino, Bologna, 2002;
  • Giorgio Caproni, Tutte le poesie, Garzanti, Milano, 1999;
  • Elio Gioanola, Letteratura italiana – Storia e testi, vol. III tomo secondo, Colonna, Milano, 1998;
  • Cesare Segre, Clelia Martignoni, Leggere il mondo, vol. VIII, Guerra, dopoguerra, secondo Novecento, Bruno Mondadori, Milano 2001;
  • Luigi Surdich, Le idee e la poesia – Montale e Caproni, il melangolo, Genova, 1998;
  • Enrico Testa, Dopo la lirica. Poeti italiani 1960-2000, Einaudi, Torino, 2005;
  • Paolo Zoboli, Immagini di Genova. Campana, Sbarbaro, Montale e Caproni, in «Trasparenze», n. 9, 2000, pp. 3-22.

 

[1] Tortuosa: ricca di curve e tornanti.

[2] Erta: ripida, faticosa da salire.

[3] Zone montane: sono i luoghi caproniani dell’Alta Val Trebbia (Loco, La Moglia, Fontanigorda, Rovegno), attraversati dalla Strada Statale 45.

[4] Sovrasta: è più grande.

[5] Ripa: il bordo del dirupo.

[6] Infida: mal sicura.

[7] Subdola: ingannevole.

[8] Insidia: agguato, trappola.

[9] Un ottonario al v. 3 + 3a (“zone montane // Dovunque,”), un altro al v. 5 + 5a (“Fondo dissestato. // Frane.”); settenario è il v 6 + 6a (“Caduta massi. // Il motore”), senario il successivo v. 7 + 7a (“s’inceppa. // La ruota”)…

[10] Cfr. Purg., XXXI, 43-46: “Tuttavia, perché mo vergogna porte / del tuo errore, e perché altra volta, / udendo le sirene sie più forte, / pon giù il seme del piangere ed ascolta”.

[11] Cfr, Inf., X, 1-3: “Ora sen va per un secreto calle, / tra ‘l muro della terra e li martìri, / lo mio maestro, e io dopo le spalle”.