Cinquecento #2. Le guerre di religione e la Controriforma cattolica

Altre Chiese protestanti

La Riforma protestante di Lutero si diffuse dalla Danimarca alla Svezia, spesso con l’appoggio dei re. In Inghilterra il re Enrico VIII si distaccò dalla Chiesa cattolica (1543) e si dichiarò capo di una nuova Chiesa, la Chiesa Anglicana.

Grandi predicatori diffusero in altre parti d’Europa la religione protestante: il più importante fu Giovanni Calvino. Egli a Ginevra, in Svizzera, organizzò una repubblica severamente basata sui principi della nuova religione.

Hans Holbein il Giovane, Ritratto di Enrico VIII (1539-41)
Hans Holbein il Giovane, Ritratto di Enrico VIII (1539-41)

Per approfondire…

Da Carlo V a Filippo II

Carlo V, svanito il sogno di regnare su un’Europa unita nella religione, nel 1555 rinunciò al trono. Suo fratello Ferdinando I ereditò titolo imperiale e territori austriaci, suo figlio Filippo II ereditò Spagna, Fiandre, territori italiani e colonie americane. Seguendo l’esempio del padre, Filippo II si impegnò nella lotta contro i Turchi e nel 1571 li sconfisse nella battaglia navale di Lepanto. I Turchi da allora dominarono solo la parte orientale del Mediterraneo.

Paolo Veronese, Allegoria della battaglia di Lepanto (1571)
Paolo Veronese, Allegoria della battaglia di Lepanto (1571)

Per approfondire…

Guerre di religione in Europa

Il calvinismo si diffuse in Francia e nelle Fiandre. In Francia ci fu una vera e propria guerra civile tra cattolici e ugonotti (così erano chiamati i calvinisti francesi) che furono sterminati. Nelle Fiandre gli abitanti del nord si ribellarono a Filippo II con lo scopo di creare una repubblica calvinista. Dopo una lunga guerra conquistarono l’indipendenza e crearono la Repubblica delle Province Unite, oggi Olanda. Le regioni del sud, oggi Belgio, rimasero cattoliche e fedeli al re.

Tiziano, Ritratto di Filippo II, (1555 ca.)
Tiziano, Ritratto di Filippo II (1555 ca.)

Per approfondire…

La Controriforma cattolica

Solo l’Italia e la Spagna avevano evitato guerre di religione; da qui partì un movimento di rinnovamento della religione cattolica che gli storici hanno chiamato Controriforma. Con il Concilio di Trento (1545-1563) si riaffermarono i principi della religione cattolica e si stabilì che solo la Chiesa può interpretare le Sacre Scritture. I vescovi tornarono a vivere nelle loro sedi; i preti furono preparati in scuole speciali, i seminari; la cura delle anime e l’insegnamento del Vangelo divennero nuovamente il compito centrale della Chiesa.

Della Controriforma fece parte anche la repressione. Il Sant’Uffizio o tribunale dell’inquisizione romana, chiamato allora Congregazione della sacra romana e universale Inquisizione, giudicava le persone sospette di eresia. Molti protestanti italiani, per salvarsi, furono costretti a scappare. Fu creato l’Indice dei libri proibiti che vietava la lettura dei testi considerati eretici. Migliaia di donne, anche nei paesi protestanti, furono condannate al rogo o impiccate perché considerate streghe.

Veronese, Cena a casa di Levi (1573) Dipinto inquisito dal Tribunale del Sant'Uffizio (originariamente il titolo dell'opera era L'ultima cena...)
Paolo Veronese, Cena a casa di Levi (1573)
Dipinto inquisito dal Sant’Uffizio: il tribunale non gradì il punto di vista innovativo dell’autore il quale, all’alternativa di modificare l’opera stessa, preferì adattarle un nuovo titolo (originariamente il titolo dell’opera era L’ultima cena!)

Per approfondire…

…e dopo aver ripassato, mettiti alla prova!

Rispondi alle seguenti domande
  1. Contro chi si allearono molti principi tedeschi?
  2. Chi sconfisse i Turchi nella battaglia di Lepanto?
  3. Che cosa fece il re d’Inghilterra Enrico VIII?
  4. Che cosa organizzò Calvino a Ginevra?
  5. Quali territori si ribellarono a Filippo II?
  6. Che cosa fece il Concilio di Trento?
Vero o falso?
  1. Nel 1555 Carlo V rinunciò al trono.
  2. Calvino diffuse la religione protestante in Svizzera.
  3. Le regioni del sud delle Fiandre, oggi Belgio, divennero calviniste.
  4. La Controriforma partì da Italia e Spagna.
  5. Migliaia di donne, solo nei paesi cattolici, furono condannate al rogo.
Sai spiegare il significato dei seguenti termini?
  • Chiesa Anglicana
  • Calvinismo
  • Ugonotti
  • Inquisizione
  • Controriforma
  • Seminari
  • Repubblica
  • Guerra civile
  • Concilio
Annunci

Cinquecento #1. L’età di Carlo V e la Riforma protestante

L’impero di Carlo V

Nel 1519 il giovane Carlo d’Asburgo fu eletto imperatore del Sacro Romano Impero col nome di Carlo V. Aveva già ereditato dai nonni molti regni: Spagna, Italia meridionale, Franca Contea (oggi in Francia), Fiandre (oggi Belgio e Olanda), Austria, Boemia (oggi Repubblica ceca), le colonie spagnole in America. Profondamente cattolico, sognava di governare in pace; dovette invece combattere in un’Europa divisa da guerre di religione.

Antoon van Dyck, Ritratto equestre di Carlo V
Antoon van Dyck, Ritratto equestre di Carlo V (1620 circa)

Le guerre d’Italia

L’Italia viveva un periodo molto difficile. Nel 1494 i Francesi l’invasero; da allora, per sessant’anni, la penisola italiana fu terreno di battaglia di Francesi e di Spagnoli. Gli Stati italiani si divisero e si allearono ora con i Francesi, ora con gli Spagnoli. Ricordiamo in particolare il «sacco» (saccheggio) di Roma: nel 1527 i mercenari tedeschi di Carlo V la saccheggiarono perché l’Imperatore volle punire il Papa che si era alleato con i Francesi.

Sessant’anni di guerre ebbero gravi conseguenze. Gli Spagnoli ottennero, oltre al Regno di Napoli, lo Stato di Milano, non più indipendente; per tutti gli Stati, comprese le Repubbliche di Genova e di Venezia, iniziava una lunga decadenza sotto l’egemonia della Spagna.

La crisi della Chiesa

Nel Cinquecento entrò in crisi il rapporto tra la Chiesa e i fedeli. I papi del Rinascimento, grandi mecenati, erano accusati di pensare solo ad abbellire Roma. Cardinali e vescovi (l’alto clero) vivevano a Roma in palazzi sempre più belli e non nelle sedi a loro assegnate. I preti (basso clero), spesso ignoranti e senza la sorveglianza dei vescovi, trascuravano i fedeli che si sentivano abbandonati.

La cosa che fece più rumore, però, fu la «vendita delle indulgenze»: per denaro venivano promessi il perdono dei peccati e la diminuzione del castigo in Purgatorio. Il denaro da tutta Europa arrivava a Roma, dove era in costruzione la nuova basilica di San Pietro.

Martin Lutero e la riforma protestante

Alla vendita delle indulgenze si ribellò in Germania il frate Martin Lutero. Era convinto che la Chiesa non potesse liberare le anime del Purgatorio; per salvare la propria anima bisognava credere in Dio e obbedire alle Sacre Scritture, non ai vescovi e ai preti.

Per Lutero ogni credente poteva leggere e spiegare da solo le Sacre Scritture. Illustrò il suo pensiero in 95 tesi, cioè affermazioni, che nel 1517 attaccò al portale della chiesa di Wittenberg. Il papa Leone X lo scomunicò, l’imperatore Carlo V pubblicò un editto che lo allontanava dall’impero.

Alcuni prìncipi tedeschi presero le difese di Lutero e protestarono (da qui l’aggettivo protestante dato alla Riforma della religione cristiana fatta da Lutero).

Lutero tradusse la Bibbia dal latino in tedesco e utilizzò, per comunicare le sue idee libri brevi, illustrati, poco costosi che anche le persone poco istruite potevano capire. L’invenzione della stampa fu di grande aiuto.

La Riforma protestante si diffuse in Germania, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia e Inghilterra.

Lucas Cranach, Ritratto di Martin Lutero (1529)
Lucas Cranach, Ritratto di Martin Lutero (1529)

Per approfondire…

Conseguenze della Riforma

In Germania molti prìncipi, per difendere la Riforma di Lutero, si allearono contro Carlo V. Avevano certo dei motivi religiosi, ma volevano anche più indipendenza dall’imperatore.

Dopo trenta anni di guerra l’imperatore, con la pace di Augusta (1555), diede a ogni principe il diritto di scegliere la religione per il proprio territorio. La Germania settentrionale divenne protestante, quella meridionale cattolica.

Per approfondire…

… e dopo il ripasso, mettiti alla prova!

Rispondi alle seguenti domande
  1. Chi fu eletto imperatore del Sacro Romano Impero nel 1519?
  2. Come vengono chiamate oggi le Fiandre?
  3. Che cosa successe nel 1527 a Roma?
  4. Che cosa ottennero gli Spagnoli?
  5. Di che cosa erano accusati i papi del Rinascimento?
  6. Chi si ribellò alla vendita delle indulgenze?
  7. Da chi fu protetto Martin Lutero?
Vero o falso?
  1. I numerosi Stati italiani si unirono contro Francesi e Spagnoli.
  2. Per tutti gli Stati italiani iniziò un periodo di decadenza.
  3. Nel Cinquecento entrò in crisi il rapporto tra la Chiesa e i fedeli.
  4. Lutero pensava che la Chiesa potesse liberare le anime del Purgatorio.
  5. Il papa Leone X scomunicò Lutero.
  6. Dopo la pace di Augusta la Germania settentrionale rimase cattolica.
Sai spiegare perché…
  • i mercenari di Carlo V saccheggiarono Roma?
  • nel Cinquecento entrò in crisi il rapporto tra la Chiesa e i fedeli?
  • la riforma religiosa di Lutero prese il nome di Riforma protestante?
  • l’invenzione della stampa aiutò la diffusione delle idee di Lutero?